TERZA OSPITATA: ARIANNA BERNA


Salve amici oggi concludo la mia esperienza delle ospitate con Arianna BernaImmagine
Arianna rappresenta, per me, la donna moderna per eccellenza. Cuore di mamma da un lato e grande “guerriera” dall’altro.
Arianna è nata nel 1976 e vive a Treviso. Dopo una laurea in giurisprudenza, trova lavoro in una società multinazionale e la sua carriera decolla.
Arianna scrive e dà alla luce, nel 2013, un romanzo: “Una normale strana vita” romanzo pubblicato in self-publishing su http://www.ilmiolibro.it.
Pagina del libro http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=1024908
Profilo su ilmiolibro.it http://ilmiolibro.kataweb.it/community.asp?id=188562
Il romanzo è attualmente in vendita nel circuito Feltrinelli e in ebook su Amazon.
Ciò che mi ha particolarmente colpito nella carriera di Arianna è stata l’adesione a un progetto importante. Difatti lei ha aderito a un’iniziativa di sostegno contro la violenza sulle donne, il recital “Una carezza rosso sangue” rappresentato a Parma e a Bologna lo scorso ottobre-novembre, autorizzando la pubblicazione e la rappresentazione di alcuni brani del romanzo nei quali erano narrati episodi di violenza domestica.
Arianna, attualmente, sta già lavorando al secondo romanzo.
Ho rivolto ad Arianna alcune mie personali domande:
Ciao Arianna, avvocato, auditor, mamma e per ultimo (non in ordine di importanza) scrittrice. Quanto influisce sulla scrittura l’essere una donna così poliedrica?
La prima risposta, quella che nasce di getto è: il tempo non basta mai. Sono sempre di corsa, il più delle volte temo di non riuscire a compiere tutte le attività che mi metto in programma. Poi però sfruttando ogni istante “libero”, ottimizzando i tempi al massimo e facendo le capriole riesco a fare “abbastanza”.
Quando hai pubblicato il tuo primo romanzo cosa hai provato?
Ho provato una gioia immensa ed un senso di liberazione. Ma ancor prima il primo grande scoglio è stato farlo leggere ad una cara amica ed attendere il suo giudizio, ricordo l’emozione nel sentire le sue parole cariche di entusiasmo.
Credevi di farcela?
Sinceramente essendo un libro nato di pancia, finchè non ho chiuso tutti i punti e messo la parola fine non credevo che ci sarei riuscita; anche se ad un certo punto della narrazione concludere la storia era diventata un’esigenza personale, non potevo lasciare i miei personaggi incompiuti, quasi come fossero reali.
Affermi che volevi fare la scrittrice di professione, ma non ci sei riuscita. Credi che al giorno d’oggi sia possibile fare lo scrittore di professione?
Più che non esserci riuscita, la mia vita ha preso una strada differente. Credo che nella vita tutto sia possibile, specialmente se fortemente motivati. Sicuramente non è una strada semplice, anzi è piena di ostacoli e di insidie.
Nella scrittura, giustamente, ti immedesimi nei tuoi personaggi e nella lettura, invece? Che tipo di lettrice sei?
Dipende molto dal libro, ma in genere mi immedesimo e quando entro nel libro, devo assolutamente leggerlo fino alla fine. Leggerei sempre, amo leggere, ma il tempo purtroppo è sempre poco. Propongo di allungare le giornate a 30 ore!
Da bambina sognavi la vita che stai vivendo?
Sono stata molto fortunata, perché ho realizzato i miei sogni, sognavo una famiglia, sognavo un lavoro stimolante e li ho raggiunti entrambi.
Scenderesti a compromessi per pubblicare un libro? (intendo modifica della trama o dei personaggi ecc)
Bella domanda. Non lo so. Posso dirti che i miei personaggi li ho sentiti nascere e crescere e hanno la loro identità e non credo riuscirei a stravolgerli, ma qualche arrangiamento potrei, forse, sopportarlo ;).
Come hai scoperto di essere innamorata della scrittura?
L’ho capito nel tempo, all’inizio scrivevo e basta senza chiedermi il perché. Poi ho realizzato che la scrittura era per me un modo di esprimermi e realizzarmi.
Al tuo bimbo che letture leggi?
Per adesso gli leggo libri per bambini, gli piacciono le storie di Peppa Pig e di Topolino.
Ti capita mai di scrivere numeri e pensare parole?
Quello mai per fortuna. Mi capita però di scrivere in italiano e pensare in inglese ed il risultato è abbastanza buffo.
Hai aderito a un progetto nobile contro la violenza sulle donne, purtroppo se ne parla sempre di più. Da donna come vedi questa situazione? E credi che la letteratura, il teatro, insomma la cultura possa cercare di sensibilizzare le menti e, magari, arginare il problema?
Da donna mi scandalizzo dal dilagare di questo fenomeno. Ho scelto di parlare di violenza “domestica” quasi per caso, sentivo di voler dare il mio contributo con  una voce al femminile. Nel romanzo ho cercato di spiegare i meccanismi psicologici femminili, dando luce ad un aspetto spesso sottovalutato dai media, in quanto la notizia si ferma alla violenza senza capirne la genesi.
Credo che parlare del fenomeno e sensibilizzare il pubblico sia l’unico modo per proteggerci contro l’ignoranza di chi vede ancora la donna come un oggetto o una proprietà privata e non un essere pensante con dignità e diritti.
Il prossimo romanzo tratterà sempre tematiche socialmente forti o ci sarà un cambio di genere?
Nel prossimo romanzo, tra l’altro già scritto, le tematiche affrontate sono differenti, molto più “leggero” nei contenuti e a tratti rosa, scritto in chiave ironica e divertente.
Ha in comune con il primo l’intento di descrivere i meccanismi psicologici femminili nella risoluzione dei problemi. Quindi è un libro sicuramente per donne, ma anche per tutti gli uomini che desiderano capirne di più sull’altro sesso senza leggersi un manuale di psicologia!
Grazie mille Arianna e in bocca al lupo anche a te!
Vi allego i contatti della nostra autrice:
sito personale: http://www.ariannaberna.it
Blog:  http://www.universodistelle.blogspot.com nel quale parla di scrittura, viaggi e recensioni di libri.

Il 4writers su questo blog è concluso 😦 ma le writers non si separano mica 😉 qualcosa la inventeremo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...