RECENSIONE DI… “CERCANDO DI TE” DI SABINA DI GANGI


Salve lettori, oggi sono qui per presentarvi un libro che mi ha emozionata. Mi riferisco a “Cercando di te” di Sabina Di Gangi (autopubblicato dall’autrice).

1579904_578626605547581_296341571_n1

Philip Freeman vive a Londra. Ha una casa fantastica, una domestica, molti soldi e una vita scandita da viaggi. Philip, bello e dannato, ama sedurre le donne che gli cadano, letteralmente, ai piedi. Egli le conquista col suo savoir faire, le ama nello spazio di una notte e poi le abbandona, poiché nel suo cuore c’è posto per una sola donna: Nicole. Philip e Nicole come re Artù e Ginevra. Lontani eppure vicini. L’uno vivo nei pensieri, nei desideri e nei sogni dell’altra. Tutto sembra perduto, ormai sono trascorsi dieci lunghi anni, eppure il destino ha in serbo qualcosa per i due innamorati, una spinta per coronare il loro sogno d’amore.

“Io aspettavo te, con dolore sopportavo la tua assenza, cercavo di resistere sperando che un giorno saresti tornato.”

Il romanzo, di genere spiccatamente sentimentale, può essere considerato una favola moderna.

L’autrice descrive le vicende con estrema delicatezza e cura dei particolari, elementi, questi, che contribuiscono a rendere il romanzo particolare nel suo genere. Se da un lato la vicenda può sembrare la tipica storia d’amore nella quale i protagonisti si perdono per poi ritrovarsi e vivere “felici e contenti”, dall’altro è presente una forte componente psicologica che permette all’opera di offrire spunti di riflessione.

Philip incarna le fattezze del tipico playboy, ma, in realtà, egli vive un profondo disagio esistenziale. La mancanza della sua adorata Nicole viene colmata attraverso una singolare ricerca: in ogni donna egli prova a trovare un pò di lei (viso, mani, movenze…) in questo modo egli ne è attratto ed è convinto di amare e possedere il suo vero amore mentre la povera donna di turno altri non è che un oggetto. Senza dubbio ci si trova davanti a un comportamento maniacale da manuale di psichiatria, ma non è questa la sede per aprire un dibattito su una condotta di vita discutibile.

Nicole, la quale è molto più vicina a Philip di quanto egli possa immaginare, vive il suo dolore proprio nei luoghi nei quali l’uomo ha vissuto prima di fuggire. Il suo è un dolore silenzioso, fatto di lacrime solitarie.

Altro grande protagonista dell’opera è il destino. Destino che permette ai due giovani di ritrovarsi, di riconoscersi, di vincere le insidie di chi vorrebbe ostacolarli.

La narrazione condotta con uno stile semplice, fluido, leggero anche nelle situazioni più “pesanti” ed elegante anche in quelle spiccatamente “erotiche”, permette di coinvolgere pienamente il lettore il quale percepisce sin dalle prime pagine che il comportamento da donnaiolo di Philip non fa parte della sua vera indole, ma è fonte di una grande debolezza.

Philip e Nicole, due ragazzini persi a causa di uno stupido incidente, sono ora divenuti due adulti con la consapevolezza del loro amore.

Un romanzo che consegna, tra le sue righe, un profondo messaggio d’amore vero: perdersi e ritrovarsi per far vincere l’amore, quello vero, capace di superare ogni difficoltà e di trionfare. Un romanzo di formazione decorato d’amore dedicato a quanti credono che “Amor vincit omnia”.

Vi ringrazio per la lettura, alla prossima 🙂

Annunci

3 pensieri su “RECENSIONE DI… “CERCANDO DI TE” DI SABINA DI GANGI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...