RECENSIONE DI… “MENO CINQUE ALLA FELICITA'”DI VIRGINIA BRAMATI


Salve lettori e buona vigilia di Natale a tutti voi. In questa giornata di festa vi regalo la recensione di un altro romanzo a tema. Mi riferisco a “Meno cinque alla felicità” di Virginia Bramati (Mondadori editore).

Costanza è una giornalista economica, originaria di Verate, che vive e lavora a New York. A seguito della tragica scomparsa del padre, Costanza decide di tornare a casa in occasione del Natale perché suo padre, col quale ha un vero e proprio dialogo mentale, ha deciso così. La famiglia è allo sbando, lo spirito natalizio totalmente assente e spetta proprio a Costanza rimetterne insieme i cocci. Tutto questo in soli cinque giorni! Costanza torna a casa ed effettivamente la situazione non è delle migliori: la madre è totalmente estranea al contesto festivo, la sorella Eleonora non ha carattere e gli adorati nipotini sono diventati i migliori amici delle oche destinate a essere mangiate durante il pranzo di Natale. Come se non bastasse, la vecchia stanzetta è stata affittata a un certo Andrej, muratore estone a detta di Eleonora. Costanza è decisa a mandarlo via prima di rientrare negli USA ma questo accadrà davvero? Tra situazioni esilaranti, momenti di commozione e incredibili rivelazioni, la famiglia riuscirà a trascorrere un meraviglioso Natale proprio come il capofamiglia aveva deciso per loro.

“Non ho mai creduto ai colpi di fulmine, ma sono convinta esista un “riconoscersi”,  un piacersi istintivo,  che deve poi confrontarsi con scelte di vita  se non proprio comuni almeno compatibili.

Il romanzo, una commedia all’italiana in salsa natalizia, si configura come una perfetta lettura dai contenuti leggeri.
Costanza è, senza dubbio, il personaggio maggiormente riuscito. Ella è dotata di un grande coraggio, non si lascia abbattere dalle difficoltà, soffre in silenzio e fa di tutto per salvare la sua adorata famiglia. Da grande sognatrice romantica, cade tra le braccia dell’aitante “muratore estone” per il quale è pronta a cambiare totalmente vita.
Un romanzo, insomma, del quale è protagonista la famiglia vista nel senso più grande del termine. Famiglia non è solo quell’insieme di persone col quale si vive ogni giorno sotto il medesimo tetto, ma è anche unione di persone pronte a sostenere chi è in difficoltà ed ecco che il pranzo di Natale sarà un tripudio di voci e volti sorridenti.
Di questo romanzo si apprezza lo stile leggero, ironico, ricco di dialoghi e momenti di commozione, tuttavia a lasciare leggermente perplesso il lettore è la trama. Troppo surreale e decisamente troppo affrettata, troppi eventi che si susseguono l’uno all’altro quasi come in un elenco della spesa… E’ vero che Costanza ha a disposizione appena cinque giorni per portare a termine la sua missione ma è inverosimile che ella si innamori di una persona nell’arco di una giornata!
Al di là di questa piccola critica tecnica, il romanzo è scorrevole e di grande coinvolgimento da parte del lettore, il quale si diverte con i protagonisti, si commuove e avverte la magia del Natale.

LINK ACQUISTO Meno cinque alla felicità!

Grazie della lettura, alla prossima e buon Natale!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...