RECENSIONE DI… “TRENT’ANNI E LI DIMOSTRO” DI AMABILE GIUSTI


Salve lettori, oggi vi parlo di un chick tutto italiano che ha fatto molto parlare.  Mi riferisco a “Trent’anni e li dimostro” di Amabile Giusti (Mondadori editore).

amabile2bgiusti2btrent2banni2be2bli2bdimostro

Carlotta è una quasi trentenne dalla vita incasinata. È single, svolge un lavoretto poco retribuito presso una tv locale, è goffa ed è innamorata follemente del suo coinquilino Luca. Questi, aspirante scrittore ma barista per necessità, incarna il perfetto don Giovanni: ogni sera rientra con una ragazza diversa della quale il mattino seguente non ricorda neppure il nome. Povera Carlotta costretta a vivere passivamente i loro amplessi! Ma non è finita qui: la sfortunata fanciulla ha alle spalle una famiglia stramba: madre amante degli uomini, sorella minore gelosa e numerose zie vedove e zitelle sempre pronte a lanciarle battutine velenose. Riuscirà la nostra eroina a sopravvivere e a conquistare l’affascinante coinquilino?

“Certo che l’amore è un bel casino! Pensi che sia completo e invece non finisce mai, è un dannato pozzo senza limiti.”

Il romanzo, un insolito chick lit italiano, fonda le sue basi sui drammi di una novella Cenerentola presentati al lettore con ironia e leggerezza. Carlotta è senza dubbio, un personaggio interessante e ben costruito. Goffa, impacciata, combina guai, innamorata e non ricambiata eppure non s’arrende. Ella comprende quanto sia necessario amare se stessa, accettarsi prima di provare ad assediare il cuore di un’altra persona. Insomma, non è una che gioca, la nostra Carlotta. Cerca di studiare la sua preda, di conoscerla, di scovare il suo punto debole anche se molto spesso vorrebbe mollare e rifugiarsi nella sua immagine di trentenne single condannata a trascorrere il resto della sua vita da sola, al massimo in compagnia di un gatto. Il suo è forse l’unico personaggio del quale l’autrice offre un ritratto a tutto tondo soffermandosi anche sull’aspetto psicologico e mostrando le reazioni agli eventi narrativi.

Luca, il protagonista maschile, incarna tutti i tratti tipici dell’uomo perfetto: bello, intelligente, affascinante, dotato da sovuoir faire e sciupafemmine (un difetto deve pur avercelo!) Per quanto figura stereotipata, riesce comunque ad avere il suo spessore, il suo ruolo attivo nella trama e un caratterino niente male.

L’autrice si serve di uno stile semplice, diretto, scorrevole, ricco di dialoghi. Il lettore si sente coinvolto nelle vicende, ride di gusto dinanzi agli eventi comici, soffre con la protagonista negli attimi di dolore, avverte i colpi di scena e conclude la lettura con sorriso da lieto fine.

LINK ACQUISTO Trent’anni… e li dimostro (Color Collection)

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...