RECENSIONE DI… “L’ULTIMA DUCHESSA” DI GABRIELLE KIMM


Salve lettori, come procedono le vostre vacanze estive? Qui da me purtroppo il caldo non da tregua, ma in compenso sto rincontrando vecchie amiche che ormai vivono fuori ed è sempre un piacere ritrovarsi tutte attorno al tavolino di un bar. Questa sera vi parlo di un romanzo che ho acquistato approfittando di un’offerta a 0,99 centesimi e che ho letto un po’ a rilento. Mi riferisco a “L’ultima duchessa” di Gabrielle Kimm (Newton Compton editori).

La giovane Lucrezia de’ Medici è costretta da un gioco di alleanze politiche a sposare il duca Alfonso d’Este e a trasferirsi a Ferrara nella splendida corte estense. Tuttavia il duca Alfonso giorno dopo giorno la relega sempre più costringendola a vivere in una gabbia dorata. L’unico compito della giovane è quello di generare al più presto un erede affinché la casata possa sopravvivere. L’arrivo di un frate e di un giovane pittore incaricati di realizzare alcuni affreschi, metterà completamente in discussione la vita della giovane: Lucrezia infatti inizierà a provare sentimenti proibiti nei confronti del giovane pittore.

“Non avrebbe mai potuto averla: questo era fuor di dubbio. Era un pittore, figlio e nipote di pescatori e lei era una nobile. Era sposata al duca di Ferrara. Uno dei più potenti uomini d’Italia. Nonché suo committente.”

Innanzitutto occorre precisare che l’opera, pur facendo riferimento a un’epoca storica e a personaggi realmente esistiti (Alfonso e Lucrezia) inserisce anche personaggi e situazioni frutto della fantasia dell’autrice come ella stessa spiegherà nella nota posta al termine del volume.

La fedeltà storica è abbastanza rispettata, specialmente per quanto concerne l’aspetto sociale dell’epoca.

I personaggi incarnano i topoi del loro tempo: Alfonso, duca bisognoso di un erede, intimorito dall’angelica moglie al punto da non riuscire ad adempiere ai suoi doveri coniugali, preferisce rifugiarsi tra le braccia di un’amante per poter esibire il suo orgoglio di uomo. Un uomo in apparenza forte e determinato che si rivela ben presto in tutta la sua piccolezza e meschinità. Lucrezia, giovane e inesperta, si trova improvvisamente immersa in un mondo nuovo nel quale non può sentirsi libera. L’amore coniugale non si rivela ciò che credeva e l’adulterio diviene una sorta di via di fuga.

La lettura del romanzo non è particolarmente agevole. L’autrice sceglie una prosa semplice ma poco fluida e ricca di descrizioni (specie nella prima metà del romanzo), che tendono a rallentare considerevolmente il ritmo della narrazione.

Il coinvolgimento emotivo da parte del lettore è altalenante. Nella prima parte della narrazione è quasi del tutto assente, mentre nella seconda, che coincide con le vicende dell’amore adulterino e con un ritmo serrato, diviene maggiore, riuscendo quasi a far sentire il lettore parte delle vicende.

Un romanzo che lascia un senso di sospesa incertezza. Una trama agrodolce. Un finale a metà tra Romeo e Giulietta e una favola dei fratelli Grimm.

LINK ACQUISTO L’ultima duchessa (eNewton Narrativa)

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

Annunci

2 pensieri su “RECENSIONE DI… “L’ULTIMA DUCHESSA” DI GABRIELLE KIMM

  1. Sonia Esse ha detto:

    La copertina è molto bella, ma so già che il genere non mi appartiene 😉
    Qui il caldo è calato un po’, ci sta donando qualche giorno di tregua, spero che poi non torni quella cappa asfissiante stringi polmoni, terribile!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...