RECENSIONE DI… “L’ABBAZIA DI NORTHANGER” DI JANE AUSTEN


Salve lettori e buona domenica. Vi siete ricordati di spostare le lancette un’ora indietro? Magnifico! Un’ora in più per leggere, pensate un po’. Questa domenica la sto trascorrendo in compagnia del mio amico raffreddore (l’unico motivo per il quale odio l’autunno), ma nonostante sia quasi completamente ko, vi regalo una nuova recensione. Quest’oggi ho scelto di parlarvi di un romanzo classico frutto della penna della mia autrice preferita. Mi riferisco a “L’abbazia di Northanger” di Jane Austen (la mia edizione è della Newton Compton, collana “Minimammut”).

Catherine Morland assieme a una famiglia di amici trascorre alcune settimane di vacanza a Bath, dove ha modo di conoscere i Tilney e in particolare il giovane Henry verso il quale ben presto si accorgerà di provare attrazione. Grande lettrice di romanzi gotici, Catherine viene poi invitata dai Tilney a soggiornare presso l’antica abbazia di Northanger. Suggestionata dalle vicende lette nei libri, Catherine vivrà alcuni momenti di panico e terrore che metteranno a repentaglio, assieme a equivoci e a bugie, il suo rapporto con Henry.

“La sua passione per gli edifici antichi era seconda in grado solo alla passione per Henry Tilney,e castelli e abbazie riempivano generalmente di attrattive quei sogni a occhi aperti che ancora non erano riempiti dall’immagine di lui.”

Pubblicato nel 1818, ma scritto tra il 1798 – 99, questo romanzo, un’opera giovanile della Austen, si configura come una parodia del romanzo sentimentale e del romanzo gotico e più in generale del mondo borghese del tempo.

Catherine, la protagonista, è un’antieroina. Appartenente a una famiglia piuttosto umile, la giovane vive in campagna, lontana dalla vita mondana della città; non ha un elevato livello d’istruzione; non ha un carattere docile e soprattutto ha poche occasioni per conoscere gente e quindi incontrare la persona con la quale convolare a nozze. Il viaggio a Bath, meta per eccellenza dei viaggi borghesi, diventa per lei occasione per aprire gli occhi sul mondo che conta  fatto di balli, serate a teatro, bei vestiti, acconciature, incontri strategici e pettegolezzi dei quali, suo malgrado, sarà presto oggetto. Talora un po’ ingenua, Catherine crede fortemente nel sentimento dell’amicizia e in suo nome tende a impostare la sua condotta di vita. Per quel che concerne, invece, la sfera amorosa, si può affermare che ella sia spinta da forze esterne: dicerie, bugie, giochi di convenienza che la porteranno dapprima a raggiungere la felicità, poi a perderla e infine a ritrovarla.

L’opera è suddivisa in due volumi, che rappresentano i due filoni narrativi parodiati dall’autrice. Nella prima parte dell’opera ella narra le vicende come se si trattasse di un romanzo rosa, marcando volutamente alcune situazioni tipiche quali incontri, balli e rituali del tè. Nella seconda, almeno nei primi capitoli, ella descrive le atmosfere relativamente cupe e spettrali tipiche del romanzo gotico, per poi tornare ai canoni del romanzo sentimentale col lieto fine.

Che la Austen si servisse di una vena sarcastica è cosa nota e, difatti, in quest’opera il suo stile rispecchia il suo intento. La sua prosa, per quanto ottocentesca, risulta di agevole lettura, fluida, molto dialogata, con descrizioni e ritmo incalzante che consentono al lettore di sentirsi parte delle vicende e di poter quasi interagire con i personaggi.

Una Austen diversa. Un’opera fresca, frizzante e romantica. Un altro capolavoro della letteratura inglese ottocentesca.

3emezzo

LINK ACQUISTO L’abbazia di Northanger

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

Annunci

2 pensieri su “RECENSIONE DI… “L’ABBAZIA DI NORTHANGER” DI JANE AUSTEN

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...