RECENSIONE DI… “NELLA FINE… IL PRINCIPIO” DI PAOLO SANTAMARIA


Salve lettori, eccoci giunti a un nuovo weekend, l’ultimo di novembre. In questa mattinata uggiosa sono qui per parlarvi di un libro dal titolo emblematico. Mi riferisco a “Nella fine… il principio” di Paolo Santamaria (Lettereanimate editore). Ringrazio l’autore per avermi contattata e per avermi inviato una copia ebook.

cover

Adam Calden, in un momento di solitudine tra le pareti del suo ufficio, si abbandona a una lunga confessione – ricordo nella quale rievoca la sua vita sin dall’infanzia. Episodi lieti e tristi, amici, familiari e amori si susseguono tra le pagine del romanzo, accompagnando il lettore in un viaggio di scoperta interiore.

“La mia famiglia e una parte dei miei amici, appartengono a una iniziale vita piena di problemi, di sofferenza e di momenti molto bui:ho attraversato situazioni difficili, una veramente difficile, e anche se quell’occasione me la sono andata a cercare da solo loro erano lì e mi hanno aiutato e, nonostante tutto, mi sono stati vicini e mi hanno dato la forza per superare quel momento. Ma quello che più conta…Mi hanno perdonato.”

Sarebbe opportuno soffermarsi un momento sul titolo dell’opera “Nella fine… il principio”, un titolo che, a mio parere, riassume il tema centrale dell’intero romanzo: ricominciare dopo un evento doloroso.

Curato nei dettagli appare il personaggio protagonista: Adam, che sin da piccolo, appare come un bambino “diverso” dai suoi coetanei. È spesso solo, ha difficoltà a instaurare amicizie e non riesce ad andare d’accordo col fratello gemello. Man mano che gli anni passano, complice anche la difficile situazione familiare, Adam sviluppa un’indole fin troppo sensibile che lo porta a vivere male, oppresso dai pensieri. La fine, alla quale l’autore allude nel titolo, è inevitabile, ma questo evento offre ad Adam la spinta per andare avanti, per riscoprirsi, per apprezzare pienamente quella vita che non è riuscito ad amare. Adam si evolve, cresce, impara a conoscere il mondo e a divenire una figura con una sua posizione sociale.

L’autore sceglie una prosa semplice e diretta, anche se ancora un po’ acerba. Nonostante questa piccola nota dolente, il romanzo riesce a coinvolgere il lettore specie in quei momenti nei quali il ritmo narrativo diviene più incalzante.

Un’opera senza dubbio diversa e originale nel suo genere. Un testo che è insieme romanzo di formazione e trattato psicologico. Una lettura che reca con sé un grande messaggio di speranza.

2emezzo

LINK ACQUISTO  Nella fine… il principio

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...