RECENSIONE DI… “I FRATELLI KIMBALL” DI VALERIA DI SPEZIO


Salve lettori, buon 25 aprile a tutti voi. In questa fredda e ventosa giornata festiva, sono qui per proporvi la recensione di un romanzo che potrete trovare solo nello store lulu. Mi riferisco a “I fratelli Kimball” di Valeria Di Spezio (autopubblicato dall’autrice, che ringrazio per avermi inviato una copia ebook).

product_thumbnail

Dopo la morte del capofamiglia, la vita dei Kimball viene sconvola. Annabelle, rimasta vedova, è costretta a rimboccarsi le maniche e a badare ai tre figli, dai temperamenti molto diversi l’uno dall’altro. John, venticinquenne perdigiorno, ama scoprire segreti da poter utilizzare a suo vantaggio; Alice, ventitrenne, trascorre le sue giornate tra lavori di cucitoe lunghi momenti dinanzi alla finestra: Sarah, diciannove anni, ama leggere i libri appartenuti al padre con l’intento di scoprire il segreto della felicità.

“Quando il signor Kimball morì, l’intero paese di Haworth manifestò un sincero cordoglio, nonché una grande preoccupazione, per la vedova Annabelle e i suoi tre figlioli. Quella era stata davvero una pessima primavera, ricordata da tutti come “la primavera degli orfanelli” e divenuta, al pari dell’anno zero, un vero e proprio riferimento temporale. Prima o dopo la primavera degli orfanelli? Così si diceva. “

Questo romanzo fa immergere i lettori in un clima narrativo squisitamente austeniano. Sono molte, infatti, le analogie, soprattutto a livello temporale (l’opera è ambientata nell’800) e geografico (ci troviamo nello Yorkshire).

Protagonista della narrazione è la famiglia Kimball, una famiglia normale, e in particolare i tre giovani rampolli.

John, affascinante, dotato di sovoir faire, non può non suscitare, almeno inizialmente, le simpatie dei lettori.

Alice incarna il prototipo della figura femminile del tempo: amante della vita casalinga, esce pochissimo. La sua unica forma di contatto col mondo esterno è costituita dalla finestra dalla quale guarda ciò che la circonda con occhi persi nel vuoto.

Sarah, da perfetta figlia minore, è la ribelle per eccellenza. Intraprendente e testarda, s’interroga sui segreti della felicità proprio come farebbe un uomo. Senza dubbio il suo è il personaggio che più si apre alla modernità.

La narrazione si snoda attraverso la voce di un narratore onnisciente, che presenta in maniera oggettiva le vicende delle quali sono protagonisti i tre fratelli.

L’autrice sceglie una prosa semplice  e lineare capace di coinvolgere il lettore trascinandolo sino all’incredibile e sconvolgente finale.

Una lettura a sfondo storico piacevole e interessante. Un romanzo con protagonisti eroi comuni.

3stelle

Grazie della lettura, alla prossima 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...