RECENSIONE DI… “QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO” DI SARAH MORGAN


Salve lettori, come state? Avete iniziato le ferie? Oggi qui da me c’è una piacevole aria fresca. Strano ma vero. Questa sera sono qui per proporvi la recensione del secondo capitolo di una serie che ben si adatta al periodo estivo. Mi riferisco a “Qualcosa di meraviglioso” di Sarah Morgan (Harper Collins Italia). Ringrazio la casa editrice per avermi spedito una copia.

Qualcosa-di-meraviglioso_hm_cover_big

Brittany Forrest, archeologa di professione, a seguito di un incidente torna a Puffin Island per trascorrere un’estate in tranquillità tra le mura del Casteway Cottage, appartenuto a sua nonna. Zachary Flynn, esperto pilota dal passato difficile nonché suo ex marito da dieci anni, ha deciso di stabilirsi sull’isola. Per Brittany è un duro colpo. Ricordi e sentimenti contrastanti cominciano pian piano a riaffiorare. Scappare sarebbe la soluzione più ovvia, ma le leggi del cuore non sono prevedibili.

“Lei non si teneva dentro niente. Le sue emozioni erano aperte, accessibili a tutti. Perfino a lui. Lasciava la porta spalancata, mentre lui chiudeva la sua a doppia mandata.”

Dopo aver adorato il primo volume della serie (recensione QUI), è stato per me un enorme piacere tornare a Puffin Island per le vacanze estive. In questo secondo capitolo, l’autrice focalizza la sua attenzione su Brittany e Zach, sicuramente i due personaggi caratterialmente più complicati della serie a causa di un disastroso matrimonio di gioventù durato appena dieci giorni.

Brittany ha provato a incollare i pezzi del suo cuore spezzato dedicandosi allo studio prima e al lavoro poi. Indubbiamente determinata e testarda, abituata alle sopportare il peso delle responsabilità in ambito lavorativo, vacilla dinanzi al suo ex marito. È difficile per lei fingere che nulla sia accaduto e indossare la maschera dell’indifferenza quando dentro si sta scatenando uno tzunami. L’archeologa non riesce, o meglio non vuole fidarsi del suo ex poiché teme di rivivere sofferenze passate e di precipitare in un vortice dal quale non è ancora uscita.

Zach, in apprenza bad boy, donnaiolo, incapace di assumersi le proprie responsabilità, nasconde dietro l’aspetto da duro ferite profonde, le quali hanno inevitabilmente influenzato il suo modo di relazionarsi col prossimo. È realmente se stesso solo durante le ore di volo, dove il contatto con l’aria gli permette di fuggire dai cattivi pensieri. Tendenzialmente la sua è una generale mancanza di fiducia che sfocia in un temperamento freddo e distaccato.

Dieci anni dopo Brittany e Zach sono cresciuti, cambiati, maturati. Sono pronti a svelarsi pian piano vincendo l’iniziale inevitabile ritrosia. Ed ecco che, come in uno scavo archeologico, man mano tutto viene alla luce e tra chiarimenti, equivoci e riappacificazioni, una grande sorpresa attende i due protagonisti.

L’autrice sceglie uno stile semplice e fluido, un concentrato di emozioni che dalla pagina penetrano nel lettore, il quale segue le vicende con interesse senza riuscire a staccarsi.

Un romanzo coinvolgente e romantico sulle seconde possibilità in perfetto stile Sarah Morgan, dove le vicende dei protagonisti s’intersecano con la vita degli isolani creando un simpatico connubio. Una lettura piacevole. Una serie della quale attendo con trepidazione l’ultimo capitolo.

5stelle

ACQUISTA Qualcosa di meraviglioso

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

Annunci

Un pensiero su “RECENSIONE DI… “QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO” DI SARAH MORGAN

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...