RECENSIONE DI… “SOGNANDO DI LEI” DI ANTONIO SCOTTO DI CARLO


Salve lettori, il mese di giugno sta volando via e qui da me siamo nella morsa del gran caldo (uffa!). Questa sera sono qui per proporvi la recensione di un libro dalla trama decisamente particolare. Mi riferisco a “Sognando di lei” di Antonio Scotto di Carlo (Autopubblicato dall’autore).

http://alessandria.bookrepublic.it/api/books/9786050458442/cover

Brian ha ventidue anni, lavora come radiotecnico presso un negozio di elettronica e da poco è andato a vivere da solo. Dopo aver rotto con la fidanzata storica, il giovane si è invaghito di una donna che abita nel suo stesso condominio assieme al marito e alla loro bimba. Il suo è un amore impossibile, un relazione che non potrà mai concretizzarsi. Ogni sera, perciò, attende con ansia il momento di andare a dormire per poter vivere nel sogno ciò che non sarà mai realtà.

“Il solo posto dove potevo abbracciare la felicità era il mondo dei sogni. A volte pensavo che sarebbe stato bello condividere la mia grande scoperta con qualcuno, ma non conoscevo nessuno in grado di comprenderne la grandezza. Anzi, mi avrebbero detto che ero patetico, che la mia vita faceva così schifo che me ne ero creata una immaginaria.”

Il mondo onirico ha sempre un effetto calamita sull’essere umano e così è stato per me. Non appena ho letto la sinossi di questo romanzo, ho intuito che l’opera potesse avere del potenziale e una generosa dose di originalità.

Al di là delle vicende da commedia romantica, l’elemento su cui vorrei soffermarmi è proprio la componente psicologica. Cosa porta, infatti, un ragazzo a trasportare in un’altra dimensione un sentimento profondo qual è l’amore?

Brian non è una persona particolarmente estroversa. Non ha amici con i quali uscire e divertirsi, ha alle spalle  una famiglia tradizionale e soprattutto una madre pronto a proteggerlo in qualsiasi momento. La scelta di ricominciare da sé, da un piccolo appartamento, è certamente una mossa che contribuisce a formarlo caratterialmente e a farlo maturare. Il suo è un equilibrio precario pronto a essere messo in discussione dinanzi all’imprevisto. L’incontro con Gloria, giovane donna avvenente, provoca in lui uno tzunami. Vorrebbe parlarle, sedurla, farla sua, ma sa che ciò non sarà mai possibile. Timido per certi aspetti nel sogno ha la possibilità di essere ciò che non è, di sentirsi l’anima della festa, il bad boy sempre pronto a conquistare e un amante degno di nota. Questo “gioco notturno” crea in lui uno scompenso. I piani della realtà e del sogno non sono più distanti ma man mano si avvicinano sino a combaciare divenendo un tutt’uno.  Diviene pertanto necessario che Brian si riappropri della realtà, di se stesso, della sua vita di ragazzo ventiduenne e che viva amori veri con persone vere.

Il romanzo ha una struttura complessa. A ogni capitoli oltre a presentare l’elemento reale e quello onirico, largo spazio viene concesso anche ai personaggi apparentemente secondari che contribuiscono, tutti, all’esito della vicenda.

Dal punto di vista stilistico l’opera presenta una prosa semplice, diretta, ricca di narrazione e dialogo interiore. L’autore riesce a mantenere sempre costante l’attenzione del lettore, coinvolgendolo nelle vicende e dandogli la possibilità di esprimere propri pareri o giudizi.

Un romanzo sicuramente interessante che mette su carta ciò che avviene quando si stacca la spina dal mondo reale per puro desiderio di evasione o per vero e proprio bisogno vitale.

3stelle

ACQUISTA Sognando di Lei

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...