RECENSIONE DI… “STORIA DELLA BAMBINA PERDUTA” DI ELENA FERRANTE


Salve lettori, oggi, ultima domenica di giugno, ci ritroviamo con l’ultimo appuntamento de “L’amica geniale GDL” (che potete trovare QUI). Questo mese abbiamo letto il quarto volume della serie “Storia della bambina perduta” di Elena Ferrante (edizioni e/o).

Lila ed Elena sono ormai adulte. La prima si è lanciata nel mondo dei calcolatori elettronici mentre la seconda ha deciso di lasciare il marito e di ricominciare con Nino Sarratore. Le circostanze della vita porteranno le due amiche a ritrovarsi e a trascorrere le giornate assieme, a Napoli, come non accadeva da tempo. Insieme ricominceranno da dove si erano interrotte, tra eventi inattesi, dolori, gioie, rivelazioni. Mentre l’Italia cambia sempre più velocemente (e il rione con essa), le due donne si ritroveranno a scoprire nuovi aspetti del loro legame di amicizia che non avevano ancora sperimentato.

“Le avevo attribuito fin dall’infanzia un peso eccessivo e ora mi sentivo come sgravata. Finalmente era chiaro che ciò che ero io non era lei, e viceversa. La sua autorità non mi era più necessaria, avevo la mia.”

Gli anni passano e le nostre grandi amiche cambiano sempre più. È giunta l’età della maturità, il momento in cui si concretizzano tutti i risultati del proprio lavoro. Lila da una parte ed Elena dall’altra si lasciano trasportare dal flusso degli eventi, talora ne vengono risucchiate, altre cercano di fronteggiarli con la personalità decisa che le ha sempre contraddistinte.

Lila, colei che non si è mai mossa da Napoli e dal rione, sembra aver trovato una nuova stabilità lavorativa e affettiva. La sua curiosità innata l’ha portata a compiere grandi passi in un settore nuovo, all’avanguardia, ha iniziato a guadagnare denaro e il rispetto da parte degli abitanti del rione.

Elena ha lasciato tutto per seguire il cuore. Ha rinunciato a una vita agiata, a un matrimonio importante, alla posizione sociale per rincorrere l’uomo che ha amato sin da quando era bambina. La scrittura che l’ha resa celebre sembra non darle più il brio di un tempo, è inquieta, si allontana dall’ambiente nel quale ha scelto di rinascere e torna da dove era fuggita.

Il ritorno di Elena a Napoli – che occupa gran parte del volume – sancisce il nuovo rapporto con Lila. Pur non essendosi mai totalmente perse, le due avevano posto della distanza, la quale, inevitabilmente, è destinata a essere presto colmata. Certo, il loro non sarà più il rapporto adolescenziale di un tempo, procederà tra alti e bassi, tra momenti di grande complicità e altri di profonda solitudine.

Pagina dopo pagina si assiste allo “svelamento delle carte”. L’amicizia tra le due non è tutta rose e fiori, sin dall’inizio ci sono stati molti non detti, pensieri, atteggiamenti che sembrano sfociare in invidie. In cinquant’anni ne accadono di eventi, eppure, nonostante tutto, le due sono lì, una costante, l’una sa di ritrovare l’altra.

Si ritrovano anche tutti i personaggi che il lettore ha imparato a conoscere. Di ognuno di essi l’autrice fornisce il destino finale, clemente per alcuni, nefasto per altri.

Lo stile della prosa è semplice e scorrevole. Personalmente ho trovato il primo quarto di libro più lento rispetto al resto, tuttavia i tanti eventi che si susseguono fanno dimenticare presto questo piccolo neo. Il lettore non è solo coinvolto nella vicenda ma resta più volte a bocca aperta dinanzi alle tante sorprese disseminate lungo il percorso narrativo.

Una conclusione di serie nella quale più che mai si avverte il peso dei sentimenti presentati a tutto tondo. Un quarto volume caratterizzato dalla circolarità a dimostrare quanto i legami possono essere in grado di andare oltre tutto.

4stelle

ACQUISTA

Storia della bambina perduta

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

LA SERIE:

L’amica geniale #1;

 Storia del nuovo cognome #2;

Storia di chi fugge e di chi resta #3

10 pensieri su “RECENSIONE DI… “STORIA DELLA BAMBINA PERDUTA” DI ELENA FERRANTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...