RECENSIONE DI… “FINCHÉ NON APRIRAI QUEL LIBRO” DI MICHIKO AOYAMA


Salve lettori, questa mattina inauguriamo insieme il weekend con un romanzo recentissimo che si è rivelato una lettura decisamente dolce e confortevole. Mi riferisco a “Finché non aprirai quel libro” di Michiko Aoyama (Garzanti). Ringrazio la casa editrice per avermi spedito una copia.

A Tokyo esiste una Community House molto speciale. Accanto agli spazi adibiti a luoghi nei quali svolgere corsi di vario genere, c’è una biblioteca dalla quale i residenti della zona, tesserandosi, possono prendere libri in prestito. In questa biblioteca lavora Komachi Sayuri, una donna di mezz’età, che svolge la sua mansione di bibliotecaria in maniera alquanto originale. Tra le mura di questa biblioteca, e precisamente dinanzi alla sua postazione, s’incrociano le vicende di cinque personaggi molto diversi tra loro ma accomunati dal desiderio di raggiungere la tanto agognata realizzazione personale. Grazie ai consigli della signora Sayuri troveranno l’input giusto per intraprendere tale difficile percorso partendo dalla scoperta della piena consapevolezza di sé.

“Voi tutti trovate da solo un senso al supplemento che io vi regalo. E lo stesso vale per i libri. Cose che non c’entrano niente con lo scopo dell’autore e le parole che questi ha scritto, è poi chi le legge a legarle a sé con un filo, a ricavarne qualcosa che è soltanto suo.”

Le biblioteche, da sempre, sono considerate luoghi magici e misteriosi, circondate da una sorta di aurea sacra enfatizzata dal silenzio che si respira tra le loro pareti. È proprio da una biblioteca che i cinque protagonisti verranno attirati ed è proprio da qui che partirà il loro nuovo percorso esistenziale.

Tomoka ha vent’anni, lavora come commessa in una catena di negozi di abbigliamento ma non è soddisfatta della sua posizione poiché avverte su di sé il “peso” di non svolgere una professione ritenuta “importante”. Ryo ha trentacinque anni, lavora come contabile presso un’azienda di mobili e ha la passione dell’artigianato che, in cuor suo, vorrebbe trasformare in un lavoro. Natsumi ha quarant’anni, prima di diventare mamma lavorava come redattrice presso una rivista, ora, invece, tornata dalla maternità, ha visto il suo ruolo ridimensionarsi portandola a vivere il grande dilemma se dedicarsi alla carriera o alla sua bambina. Hiroya ha trent’anni, sogna di diventare illustratore, tuttavia non solo non è riuscito a realizzare il suo sogno ma la perenne crisi d’inferiorità in cui vive l’ha condannato a una vita da disoccupato. Masao ha sessantacinque anni ed è appena andato in pensione. Vive un momento di profondo turbamento, non si sente più parte della società e non ha alcun hobby col quale impegnare le giornate.

A “vegliare” su di loro è Komachi Sayuri, bibliotecaria dall’aspetto fisico particolare, in grado di leggere dentro le persone. A ognuno di loro, infatti, non si limita a consigliare libri sull’argomento richiesto ma offre una lettura extra, proprio quella della quale hanno bisogno, e un piccolo “supplemento”, un oggetto da lei realizzato con la lana cardata, una sorta di gadget non casuale ma che rispecchia appieno ciò che realmente stanno cercando per migliorare la propria condizione.

Pagina dopo pagina si assiste al cambiamento dei cinque protagonisti. Pian piano ognuno prende coscienza di ciò che realmente vuole per sé, mette da parte le perplessità e si prepara a rischiare.

Lo stile della prosa è semplice e scorrevole. Il romanzo si suddivide in cinque lunghi capitoli, ognuno corrispondente a ciascun personaggio. L’autrice è abile nel saper delineare le personalità e nel conquistare l’attenzione del lettore non creando storie staccate ma trovando continuità e riferimenti l’una con l’altra.

Un romanzo piacevole e confortevole. Una lettura che incuriosisce e che dimostra quanto sia importante trovare il libro giusto al momento giusto.

ACQUISTA

Finché non aprirai quel libro

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

2 pensieri su “RECENSIONE DI… “FINCHÉ NON APRIRAI QUEL LIBRO” DI MICHIKO AOYAMA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...