LETTI A SETTEMBRE 2020

Salve lettori, eccoci giunti a ottobre il mese per antonomasia legato all’autunno. Avete già tirato fuori dagli armadi felpe e maglioncini? Prima di archiviare definitivamente la stagione estiva, riepiloghiamo le letture che ho svolto durante il mese di settembre.

  • Prima lettura del mese è stata Nella tela del tempo di Barbara Nalin, autopubblicato dall’autrice. Si tratta del primo volume di una duologia che unisce all’ambientazione storica la componente fantastica dei viaggi nel tempo. Questo primo capitolo si è rivelato molto coinvolgente e imprevedibile. Votazione: 5/5;
  • Per la rubrica “Tu leggi? Io scelgo!” ho letto Il club dei filosofi dilettanti di Alexander McCall Smith, edito Tea. Questo romanzo che vuole essere un giallo si è però rivelato, a mio parere, troppo distante dal genere e quindi di poco coinvolgimento. Valutazione: 1/5;
  • Ho poi proseguito con Nell’intreccio del tempo di Barbara Nalin, autopubblicato dall’autrice. In questo secondo capitolo della duologia tutti i misteri vengono risolti ma non mancano i colpi di scena. Valutazione: 5/5;
  • Ho preso parte al review party di S.M.S. – sotterfugi, menzogne e scompigli di Luana Arfani, edito Darcy edizioni. Ambientato nei primi anni 2000 quando gli sms erano il principale mezzo di comunicazione tra i giovani, il romanzo si presenta come una commedia romantica molto spassosa, nonostante ci sia qualche piccolo neo. Valutazione: 3.5/5;
  • Seconda delusione del mese è stata La strada di Cormac McCarthy, edito Einaudi. Ambientato in un mondo post apocalittico, il romanzo si presenta come il racconto di una fuga. Purtroppo, però, non sono riuscita a entrare in sintonia né con la narrazione né con i due protagonisti. Valutazione: 2.5/5;
  • Libro che desideravo leggere da anni era Ässassinio all’Ikea di Giovanna Zucca, edito Fazi editore. Si tratta di un giallo “non troppo giallo” dalle tinte rosa. Una lettura piacevole, certo, anche se mi sarebbe piaciuto che fosse dedicata maggior attenzione all’indagine. Valutazione: 3/5;
  • Un piccolo gioiellino è stato La posta del cuore di Mrs Bird di A. J. Peace, edito Sperling&Kupfer. Durante la Seconda guerra mondiale una giovane donna lotta per il suo sogno e prova a tirar fuori tutta la sua tenacia. Valutazione: 5/5;
  • Ultima lettura del mese nonché terza delusione è stata Si sta facendo sempre più tardi di Antonio Tabucchi, edito Feltrinelli. Si tratta di un romanzo epistolare nel quale diciassette uomini scrivono ad altrettante donne perse nel tempo. Le premesse erano buone, tuttavia la mancanza di senso logico dei singoli testi e le frequenti digressioni hanno reso la lettura davvero ostica. Valutazione: 1/5

TOTALE LIBRI LETTI: 8

Bene lettori, per oggi è tutto. La rubrica “Letti nel mese” tornerà puntuale il prossimo 1 novembre 🙂

LETTI AD AGOSTO 2020

Salve lettori, diamo ufficialmente il benvenuto al mese di settembre nel quale tutto ricomincia e mai come quest’anno tutti abbiamo bisogno di normalità. Come di consueto, prima di focalizzarci sui nuovi obiettivi, riepiloghiamo insieme le letture che ho svolto in spiaggia durante il mese appena trascorso.

  • Prima lettura di agosto è stata La mia pazza vacanza in Grecia di Mandy Baggot, edito Newton Compton editori. Questo romanzo mi ha delusa, mi aspettavo maggiore coinvolgimento invece si riduce a un racconto delle giornate trascorse nel villaggio turistico senza sviluppare adeguatamente le tematiche, anche di un certo spessore sociale, trattate. Valutazione: 2/5;
  • Ho poi proseguito con Cercasi amore durante le vacanze di Jenny Hale, edito Newton Compton editori. Si è rivelato, sin dalle prime righe, una piacevole scoperta poiché l’autrice riesce a creare con maestria e a sviluppare una trama ricca di eventi con due protagonisti socialmente agli antipodi. Valutazione: 4/5;
  • Altra piacevole lettura è stata Un’estate da ricordare di Sue Moorcroft, edito Newton Compton editori. Fuggire da una vita della quale non si è più soddisfatti è un grandissimo atto di coraggio ed è quello che fa la protagonista, la quale è pronta a scontrarsi con giudizi, occhiate in tralice e rincontri “particolari” pur di fuggire da ciò che non le va più bene. Valutazione: 3/5;
  • Piccola perla letteraria si è rivelata Un’estate all’improvviso di Lori Spielman, edito Newton Compton editori. Un viaggio in Italia diviene ben presto occasione per riscoprire le proprie origini e per vivere emozioni che non si credevano possibili. Una storia dolce e malinconica. Valutazione: 5/5;
  • Se siete alla ricerca di un romanzo diverso La promessa di un’estate di Marc Levy, edito Rizzoli, fa al caso vostro. L’opera può essere definita con l’aggettivo “surreale” poiché narra del rapporto tra un figlio e il fantasma di suo padre. Si tratta sicuramente di un buon romanzo che reinterpreta in maniera originale il celebre tema del rapporto padri/figli. Valutazione: 3.5/5;
  • Ultima lettura del mese è stata Baci da Polignano di Luca Bianchini, edito Mondadori. L’ultimo capitolo delle vicissitudini della famiglia Scagliusi riporta il lettore in un’atmosfera casalinga e accogliente tra gelosie, innamoramenti e tutti quelli elementi che hanno reso celebre questa serie di romanzi. Valutazione: 3.5/5.

TOTALE LIBRI LETTI: 6

Bene lettori, per oggi è tutto. La rubrica “Letti nel mese” tornerà puntuale il prossimo 1 ottobre 🙂