RECENSIONE DI… “CLEOPATRA L’ULTIMA REGINA D’EGITTO” DI CHRISTIAN JACQ

Salve lettori, buon sabato. Siete sopravvissuti alla prima settimana lavorativa dell’anno? Già, è stato un vero trauma riprendere i soliti ritmi dopo un lungo periodo festivo fatto di pranzi, cene, pandori e pannettoni. Dopo le letture a tema natalizio, si torna alla normalità con un romanzo storico ambientato nell’antico Egitto con una protagonista molto interessante. Mi riferisco a “Cleopatra l’ultima regina d’Egitto” di Christian Jacq (Tre60 editore).

 https://img.ibs.it/images/9788867023868_0_0_0_75.jpg

Regnare per Cleopatra non è stato affatto semplice. Per lei sono stati anni duri, fatti di continue lotte interne, oppositori pronti a tutto pur di eliminarla, minacce da numerosi fronti fino al rapporto appassionato con Giulio Cesare. Il celebre egittologo si focalizza su una delle figure storiche che col tempo sono diventate veri e propri miti realizzando un ritratto dove storia e narrazione si intersecano.

“Governare significa saper affrontare i colpi che ti infligge il destino; quando la situazione lo richiederà, dimostra il tuo valore.”

Ricordata anche per essere stata l’amante di Giulio Cesare prima e di Marco Antonio poi, la regina Cleopatra, dalla quale un po’ tutti siamo affascinati, è uno di quei personaggi storici più “sfruttati” nell’ambito letterario e cinematografico.

Di indole determinata e testarda, divenuta regina molto giovane, Cleopatra è decisa a rivendicare ciò che è suo. Non accetta di essere messa da parte o di dover dividere il regno, è pronta a tutto pur di vincere, non si cura degli avversari, il suo scopo è sconfiggerli. Abile stratega, apprezzata dalla masse ma una donna come tante sul piano amoroso. Cede all’innamoramento nei confronti di un uomo intrigante, che a lei si abbandona quasi dimenticando gli affari di stato.

L’autore con una prosa semplice e scorrevole, priva di tecnicismi e quindi adatta a un pubblico eterogeneo, riesce a rendere sia le atmosfere storiche sia i turbamenti dei personaggi, l’angoscia di Cleopatra, i suoi dubbi, i sentimenti nei confronti dell’amato. Personalmente mi sarebbe piaciuto leggere qualcosa in più riguardo la relazione tra la regina e Giulio Cesare, data l’importanza storica dei due personaggi. Tuttavia il romanzo resta comunque ben scritto e sicuramente adatto per avvicinare nuovi lettori al mondo egizio.

Un’opera agevole, di facile lettura e interpretazione. Un romanzo che offre numerosi spunti di riflessione e di approfondimento.

3emezzo

ACQUISTA Cleopatra. L’ultima regina d’Egitto

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

Annunci

RECENSIONE DI… “BACIAMI SOTTO LA NEVE DI NEW YORK” DI CATHERINE RIDER

Salve lettori, le feste natalizie sono ufficialmente terminate. Avete già iniziato a riporre gli addobbi nelle scatole da sistemare in soffitta? Oh, questa attività non mi piace per niente! Assieme agli agrifogli e alle statuine del presepe finiscono nelle scatole di cartone (metaforiche in questo caso) anche i romanzi natalizi (purtroppo). Questa sera sono qui per proporvi l’ultima recensione a tema per quest’anno, un romanzo che, pur essendo ambientato a New York, non mi ha convinta. Mi riferisco a “Baciami sotto la neve di New York” di Catherine Rider (Newton Compton editori). Ringrazio la casa editrice per avermi inviato una copia ebook.

 https://www.newtoncompton.com/files/cache/baciami-sotto-la-neve-di-new-york_9654_x1000.jpg

È la vigilia di Natale e l’aeroporto JFK di New York è in fibrillazione. Charlotte, diciassettenne inglese, sta per tornare a casa dopo che Colin, il suo fidanzatino, l’ha abbandonata. Anthony sta attendendo al terminal degli arrivi, con un mazzo di rose stretto in mano, la sua Maya, la quale, però, lo lascia davanti a tutti e fugge con il suo nuovo amore. Complice una tempesta che rende impossibile il decollo e un libro particolarmente originale, Anthony e Charlotte si troveranno a trascorrere insieme lunghe ore tra le strade di New York.

“C’è sempre una via di uscita. C’è sempre una nuova strada. Ma non la troverai se resti immobile, capisci?”

Chi mi conosce sa che nei confronti dei romanzi ambientati a New York sviluppo una sorta di magnetismo che mi spinge a immergermi tra le loro pagine. Così è stato anche con questa lettura di genere Young Adult verso la quale non nascondo di aver nutrito grandi aspettative che, purtroppo, sono stata deluse.

Il romanzo, con un ritmo quasi sempre serrato, sviluppa la sua trama nell’arco di nemmeno ventiquattro ore durante le quali due persone sconosciute sono protagoniste di avventure qui e là per la metropoli. Tuttavia, man mano che la lettura procedeva, mi sono resa conto che i personaggi non sono stati sufficientemente caratterizzati. Di loro non sappiamo quasi nulla fatta eccezione di quanto accade nelle primissime pagine e di quanto viene rivelato dagli stessi protagonisti durante le (poche) chiacchierate.

Sia Anthony sia Charlotte sono delusi dall’amore ed entrambi hanno bisogno di scoprire cosa ci sia oltre questo sentimento e di riprendere in mano le redini del proprio destino. Il viaggio tra le strade cittadine, i luoghi che visitano divengono emblema di una crescita personale che li porta ad acquisire nuove consapevolezze e a prendere pienamente coscienza di sé. A mio parere la nota stonata risiede nel fatto che il tutto avviene in un arco temporale decisamente breve sfociando nella più totale irrealtà.

L’autrice sceglie una prosa semplice, fluida e discorsiva con un continuo alternarsi dei punti di vista dei due ragazzi. Il lettore è abbastanza coinvolto dalle vicende, personalmente in alcuni momenti mi sono un po’ arenata perdendomi nell’intreccio narrativo.

Una lettura nel complesso accettabile, anche se con qualche riserva. Un romanzo a tratti divertente che regala, al di là della trama in sé, l’atmosfera festiva di una delle città più glamour del pianeta.

2emezzo

ACQUISTA Baciami sotto la neve di New York

Grazie per la lettura,alla prossima 🙂