RECENSIONE DI… “LA SPIAGGIA SEGRETA” DI KAREN SWAN

Salve lettori, torna quest’oggi l’appuntamento con la rubrica “Letture sotto l’ombrellone”.

Immagine libera per usi commerciali. Attribuzione non richiesta.

Questa mattina vi parlo di un romanzo dalle tematiche complesse, che, purtroppo, mi ha un po’ deluso. Mi riferisco a “La spiaggia segreta” di Karen Swan (Newton Compton editori). Ringrazio la casa editrice per avermi inviato una copia.

La giovane Bell dopo aver vissuto un periodo difficile e doloroso, sembra aver ritrovato la serenità lavorando come baby sitter presso una benestante famiglia di Stoccolma. Il suo compito è infatti quello di badare a Linus di dieci anni e alle piccole Elise e Tilde di tre anni. Una mattina, mentre sono pronti per uscire di casa, suona il telefono. Bell risponde e resta senza parole: dall’altra parte della cornetta una dottoressa chiede di riferire ad Hanna, la sua datrice di lavoro, che suo marito si è svegliato dal coma dopo sette anni. Com’è possibile se Max, il marito di Hanna, è appena uscito per andare a lavoro? Quale segreto nasconde l’apparente famiglia perfetta?

“Senza di loro, lui che aveva sempre avuto tutto, non aveva più niente.”

Talvolta è sufficiente un attimo per sconvolgere l’esistenza di un’intera famiglia. È questo il concetto sul quale si fonda l’intreccio narrativo, un “ritorno” inaspettato che crea scompiglio in un equilibrio ormai consolidato.

Bell si ritrova a essere, suo malgrado, più coinvolta nelle vicende di quanto avrebbe mai potuto immaginare. Sì, perché lei non è solo la tata ma si considera quasi un componente della famiglia. Nell’arco dell’estate assisterà a profondi mutamenti, quasi come se il suo ruolo fosse diventato quello di porsi tra i due fuochi provando la via della mediazione.

Hanna, Max ed Emil rappresentano i tre vertici di un triangolo fatto di rivalità e screzi che affondano le loro radici nel passato. Se da una parte Max ha ridato ad Hanna la stabilità, dall’altra Emil è colui che, grazie alla sua ricchezza, l’ha viziata. Scissa tra l’affetto che prova per entrambi, la donna vive momenti di confusione che andranno inevitabilmente a influenzare la stessa Bell, la quale, già psicologicamente fragile, non può che sentire su di sé tutte queste vibrazioni negative.

Mentre lo stile della prosa è semplice e diretto, il ritmo della narrazione, secondo me, risulta piuttosto altalenante. Dopo una prima parte incalzante, si appiattisce notevolmente per tornare a essere incalzante nel finale, di conseguenza a rimetterci, a mio parere, è il coinvolgimento emotivo da parte del lettore che attraversa una fase di stasi.

Un romanzo ricco di segreti e tradimenti. Una lettura che in alcuni momenti narrativi è in grado di lasciare a bocca aperta.

ACQUISTA

La spiaggia segreta

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

RECENSIONE DI… “UNA QUESTIONE DI CUORE” DI KAREN SWAN

Salve lettori, avete presente quando terminate la lettura di un libro e siete particolarmente felici di averlo letto? Ecco, è quello che è accaduto a me col romanzo del quale sto per parlarvi. Mi riferisco a “Una questione di cuore” di Karen Swan (Newton Compton editori). Ringrazio la casa editrice per avermi inviato una copia ebook.

Francesca Hackett dopo aver lasciato l’Inghilterra e la sua professione di avvocato si è stabilita a Roma dove lavora come guida turistica. Una sera ritrova in un cassonetto una elegante borsetta che appartiene a Elena dei Damiani Pignatelli della Mirandola, nota come “La principessa”. Quando si reca presso la residenza della donna per restituirle la borsetta, Francesca non sa ancora che le loro strade saranno destinate a incrociarsi e che avrà un ruolo di primo piano nel riportare a galla segreti a lungo celati.

“Le sembrava di aver bisogno di una scorta di energia solo per poter attraversare quelle sale, un senso di storia ineludibile intrappolata tra i muri; di un passato che influenzava ancora pesantemente il presente; di un mondo costruito su segreti e bugie.”

Sin dalle primissime pagine del romanzo si viene immediatamente catapultati nelle atmosfere ricche di eventi e di “non detti”.

Francesca ed Elena sono due donne diversissime che vivono vite agli antipodi: costretta a sbarcare il lunario la prima, privilegiata dalla nascita la seconda. Francesca si è rifugiata a Roma dove sta ricostruendo la sua esistenza partendo da zero. Appassionata di scrittura, cura un blog nel quale racconta le sue avventure romane e trascorre le serate in compagnia degli amici. Elena, donna che nasconde la fragilità dietro l’immagine che dà di sé, ha alle spalle giorni vissuti intensamente: si è sposata quattro volte, vive in un palazzo immenso, partecipa a feste esclusive ed è considerata un autentico personaggio di spicco della Capitale. Luci e ombre sono gli elementi portanti della sua personalità e stupisce non poco la sua decisione di voler affidare a una biografia le sue memorie. Il ruolo di Francesca sarà quello di divenire custode dei suoi ricordi e di metterli su carta, tuttavia il percorso che attende le due sarà irto di ostacoli e colmo di colpi di scena.

Le vicende sono presentate attraverso un duplice piano temporale: il 2017, anno nel quale avviene l’incontro tra le due donne, e un arco di tempo lungo circa quarant’anni che ripercorre la vita di Elena attraverso il racconto degli avvenimenti da parte di un narratore esterno. Ottima è anche l’ambientazione. L’autrice ha scelto non solo luoghi simbolo della città conosciuti da tutti ma anche la Roma sotterranea, decisamente poco “turistica”. Lo stile della prosa è semplice, diretto e coinvolgente, gli eventi si succedono gli uni agli altri rapidamente, perfettamente incastrati tra di loro in un crescendo di scoperte che coinvolgono il lettore fino a spiazzarlo.

Un romanzo originale, ben strutturato e con personaggi accattivanti. Una lettura intensa dalla quale non ci si vorrebbe staccare.

ACQUISTA

Una questione di cuore

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂