RECENSIONE DI… “BENEDETTO SIA IL PADRE” DI ROSA VENTRELLA

Salve lettori, questa settimana è letteralmente volata, non trovate? Questo sabato mattina voglio parlarvi di un romanzo ambientato nella mia città, frutto della penna di un’autrice barese che ho già avuto modo di apprezzare. Mi riferisco a “Benedetto sia il padre” di Rosa Ventrella (Mondadori).

Rosa è nata a Bari, nel quartiere San Nicola, nel cuore della città vecchia. La sua è una famiglia semplice fortemente patriarcale. Sua madre da sempre è costretta a subire i soprusi del marito in silenzio, sotto gli sguardi atterriti dei figli. Rosa è stanca di quella vita e quando incontra Marco è convinta di aver ricevuto una seconda possibilità. Si è trasferita a Roma, ha avuto una bambina, tuttavia certe storie sono destinate a ripetersi e quando una telefonata la riporta nella sua città natale Rosa è costretta a guardare in faccia la realtà e a porsi nuovamente faccia a faccia col padre.

“Ora non sono più Rosa, sono una persona diversa. Tu, papà, non lo sai. Non sai niente di tua figlia.”

Dopo l’input iniziale ambientato nei primi anni 2000, il romanzo è suddiviso in tre parti corrispondenti a tre fasi della vita della protagonista. Nella prima denominata “Limbo” s’incontra Rosa bambina durante le giornate di infanzia vissute negli anni ’70; nella seconda intitolata “Fuori dal limbo” Rosa è adolescente, alle prese con i primi cambiamenti; nella terza chiamata “Ruggine” protagonista è Rosa adulta.

Sin da piccola Rosa ha guardato ciò che la circondava con sguardo critico. Ai suoi occhi non sono mai sfuggiti i maltrattamenti ai quali sua madre era continuamente sottoposta, la prepotenza del padre, convinto di poter comportarsi da despota solo perché uomo, la miseria che la circondava. Nonostante sia profondamente legata alla sua famiglia (e a sua madre in particolare) Rosa sente il desiderio di allontanarsi, quel mondo non fa per lei, è stanca di vedere sua madre soffrire e, soprattutto, è stanca di non poter reagire, di essere costretta al silenzio.

L’incontro con suo marito le restituisce la voglia di vivere che sembrava aver perso. Marco ai suoi occhi incarna la perfezione, tutto quello che lei ha sempre cercato in un uomo anche se spesso ombre scure velano il loro rapporto. Senza rendersi conto, Rosa si trova a passare da una forte figura maschile a un’altra e a essere, suo malgrado, protagonista di un incredibile gioco di eventi che tanto ricordano quelli vissuti da sua madre. Lei, Rosa, colei che era fuggita persino da se stessa, dovrà ancora una volta ribellarsi.

Lo stile della prosa – nella quale spesso sono inserite frasi in dialetto barese – pur nella sua semplicità, rivela una grande emotività. Il romanzo si configura come un lungo flusso di coscienza, un viaggio interiore che la protagonista compie, senza filtri. Nonostante in alcuni momenti il ritmo narrativo sia, a mio parere, leggermente lento, il lettore riesce a percepire tutti gli stati d’animo provati dalla protagonista e a divenire parte delle vicende.

Un romanzo indubbiamente forte e “crudo”. Una lettura sospesa tra risentimento e perdono.

ACQUISTA

Benedetto sia il padre

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

RECENSIONE DI…”I LOVE SHOPPING A NEW YORK” DI SOPHIE KINSELLA

Salve lettori, eccoci giunti al secondo appuntamento di discussione del gruppo di lettura “I love shopping GDL” (lo trovate QUI). Questo mese abbiamo letto il secondo volume della serie “I love shopping a New York” (Mondadori).

Becky Bloomwood continua a dispensare consigli finanziari in tv mentre la sua vita privata va a gonfie vele. È sentimentalmente legata a Luke Brandon e sta per trasferirsi a New York, metropoli che pullula di negozi. Becky ha giurato a se stessa che adesso acquisterà solo ciò che è davvero necessario anche se, oggettivamente, le boutique newyorkesi hanno il loro fascino, tuttavia un giuramento è un giuramento. Proprio quando tutto sembra andare per il verso giusto, nuovi problemi incombono e Becky sarà costretta a escogitare una maniera per venirne fuori il più indenne possibile.

“Adoro fare shopping all’estero. Voglio dire, lo shopping è fantastico ovunque, ma i vantaggi di praticarlo all’estero sono: 1) Si possono acquistare articoli che non si trovano in Gran Bretagna; 2) Ci si può pavoneggiare quando si torna a casa. (“Veramente questo l’ho preso a New York”); 3) La valuta straniera non conta, quindi se ne può spendere quanta se ne vuole.”

Come resistere al fascino di New York? È possibile camminare lungo la Quinta Strada e non sbirciare le vetrine scintillanti? Il sogno americano di Becky è messo a dura prova dalle continue tentazioni che la metropoli le offre.

Becky è ora una donna che lavora in televisione. È desiderosa di fare carriera, sogna di poter lavorare presso la tv americana, magari con un programma tutto suo, presto farà il suo esordio editoriale ed è decisa a puntare tutto su se stessa. Certo, qualche “piccolo” scoperto in banca persiste, ma, si sa, se si vuole avere successo bisogna essere disposti a investire qualcosa in termini di capi di abbigliamento e accessori per essere impeccabili.

In questo secondo capitolo della serie la protagonista viene inquadrata sotto una luce diversa. Di lei non viene messo solo in evidenza il lato frivolo ma anche quello fragile durante un momento di crisi che la lascerà un po’ in balìa delle onde. Becky colei che cerca ogni soluzione nello shopping vede il suo antidoto al male di vivere pesantemente minacciato. È ora di rimboccarsi le maniche e trovare nuovi equilibri prendendo finalmente coscienza del suo problema.

Lo stile della prosa, brioso e scorrevole, coinvolge il lettore divertendolo, inoltre carino è l’excursus sui negozi newyorkesi e i prodotti che è possibile acquistare.

Un romanzo di piacevole evasione e leggerezza. Una lettura assolutamente godibile.

ACQUISTA

I love shopping a New York (Oscar bestsellers Vol. 1306)

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

LA SERIE:

I love shopping #1