RECENSIONE DI… “UN TÈ CON BISCOTTI A TOKYO” DI JULIE CAPLIN

Salve lettori, quest’oggi il blog ha il piacere di ospitare il review party di un romanzo che unisce alla componente rosa la passione per i viaggi e per la fotografia. Mi riferisco a “Un tè con biscotti a Tokyo” di Julie Caplin (Newton Compton editori). Ringrazio la casa editrice per avermi inviato una copia ebook.

Fiona è una blogger di viaggi. Grazie al suo sito ha avuto la possibilità di vincere un soggiorno in Giappone per poterne così scoprire le meraviglie. Quando atterra a Tokyo non sta più nella pelle, tuttavia la sua manifestazione di entusiasmo è interrotta bruscamente dall’arrivo di Gabe, l’uomo che le ha spezzato il cuore dieci anni prima. Sarà proprio lui, infatti, a doverle fare da mentore portandola alla scoperta della città. Fiona decide di fingere di non conoscerlo, dopotutto è passato tanto tempo, e si getta a capofitto nella cultura nipponica fino a quando, giorno dopo giorno, il loro rapporto inizia a subire dei cambiamenti.

“Non voleva essere innamorata, né affascinata o ammaliata dal dannato Gabe Burnett. Era fuori dalla sua portata. Era troppo sofisticato. Troppo annoiato dalla vita. Troppo cinico. Troppo arrogante. Troppo dannatamente talentuoso. Troppo dannatamente bello. Troppo tutto. Ma era troppo tardi, qualunque cosa le stesse dicendo la testa, quello stupido organo che doveva occuparsi di pompare sangue nel suo corpo aveva altri piani.”

L’elemento focale su cui si fonda il romanzo è, indubbiamente, la cultura nipponica. Del Giappone sappiamo molto, soprattutto per quanto riguarda il settore tecnologico e quello gastronomico, tuttavia ci sono alcuni aspetti della vita quotidiana che si ignorano.

Fiona, figlia della società occidentale, entra in contatto con un mondo completamente diverso dal suo, verso il quale si pone con grande curiosità e rispetto. Ospitata presso una famiglia del luogo, dove la componente femminile è molto forte, la giovane scopre quanto i legami familiari siano importanti per creare un rapporto di reciproca fiducia e complicità. Le tre donne principali (nonna, madre e nipote) pur appartenendo a fasce d’età diverse con problematiche e modi di pensare differenti, riescono a trovare un punto di contatto ed è proprio questo a colpire piacevolmente Fiona.

Una menzione a parte merita il rapporto con Gabe, un personaggio che personalmente ho trovato piuttosto enigmatico e freddo. Sicuramente scostante, entra ed esce dalla scena narrativa, mantenendosi ora distante dall’azione poi quasi in punta di piedi imprime la sua presenza. I due non fanno altro che nascondersi, l’uomo dietro il ruolo che ricopre e la donna dietro una forma di timidezza e confusione, issando delle barriere destinate a cedere.

Come già detto, l’ambientazione è davvero curata nei dettagli. L’autrice illustra usi e costumi del popolo nipponico, presenta luoghi da visitare e tradizioni tipiche (come il passeggiare tra le distese di ciliegi in fiore). Anche la tradizione culinaria viene accuratamente illustrata attraverso la presentazione di piatti tipici e il celebre rituale del tè.

Lo stile della prosa è semplice e fluido, leggermente lento, a mio parere, appare il ritmo narrativo tanto che in alcuni momenti il lettore tende a perdersi e ad annoiarsi.

Un romanzo di viaggi e seconde possibilità. Una lettura nel complesso piacevole che permette di evadere in un momento storico-sociale nel quale non è possibile spostarsi e scoprire nuove culture.

ACQUISTA

Un tè con biscotti a Tokyo

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

RECENSIONE DI… “S.M.S. SOTTERFUGI, MENZOGNE E SCOMPIGLI” DI LUANA ARFANI

Salve lettori, quest’oggi il blog ospita il review party di un piacevole romanzo. Mi riferisco a “S.M.S. sotterfugi, menzogne e scompigli” di Luana Arfani (Darcy edizioni). Ringrazio la casa editrice per avermi inviato una copia ebook.

Primi anni 2000. Rachel lavora come correttrice di bozze presso una casa editrice. Profondamente altruista, un giorno accetta di sostituire l’amica Rebecca al lavoro e qui, grazie a un evento fortuito, riuscirà ad avere il numero di cellulare di Michael, speaker radiofonico nonché suo grande idolo. Spinta dall’entusiasmo, la giovane, dopo avergli fatto uno squillo, gli invia un SMS e inizia con lui una fitta corrispondenza virtuale usando lo pseudonimo Mistery. I giorni passano e l’intimità diviene sempre più crescente, forse è arrivato il momento di rivelarsi ma Rachel non sa se è la cosa giusta.

“Sì, proprio tu, alla quale non so dare né un volto né una voce, né una pelle da accarezzare mentre mi guardi… Tu mi stai riaprendo una finestra su una sfera di emozioni che non credevo di poter provare più.”

All’inizio del nuovo millennio la tecnologia era presente nelle nostre vite. Tutti possedevano un cellulare e tutti erano alla costante ricerca di promozioni che permettessero di inviare messaggini o telefonare a prezzi vantaggiosi. Già, perché centosessanta caratteri erano davvero pochi e quindi bisognava inviare più di un SMS che finiva inevitabilmente per sovraffollare la piccola memoria del dispositivo. Spesso, allora, si ricorreva alle mail anche se i tempi di risposta si allungavano decisamente…

Protagonisti di questo romanzo sono proprio due giovani alle prese con l’eterna battaglia mondo reale vs. mondo virtuale le cui conseguenze sono destinate a lasciare un segno indelebile nelle loro vite.

Alcuni atteggiamenti di Rachel (soprattutto il provare “amore” nei confronti di una persona che non conosce direttamente e il celarsi dietro una falsa identità online) la rendono immatura rispetto alla sua età, tutta la sua determinazione sembra esprimersi in maniera sterile, all’atto pratico fa poco o nulla per agire concretamente nella vicenda.

Dall’altra parte, anche Michael potrebbe apparire a un primo sguardo immaturo anche se tale forma d’immaturità appare ben celata dietro l’aspetto da seduttore e a una simpatia travolgente.

Lo stile dell’autrice, nella sua semplicità, è fresco e brioso così da rendere la prosa scorrevole e coinvolgente. La trama si sviluppa attraverso il duplice punto di vista dei protagonisti, scelta, questa, che permette al lettore di conoscere le reazioni alle varie vicissitudini.

Un romanzo leggero, adatto a queste ultime giornate estive. Una lettura che si rivela ben presto essere un piacevole revival.

ACQUISTA

S.M.S. – Sotterfugi, menzogne e scompigli

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂