RECENSIONE DI… “LA MAGIA DEL NATALE” DI KRISTEN McKANAGH

Salve lettori, in questa prima domenica dell’anno torna l’appuntamento con la rubrica “Letture sotto l’albero”.

Immagine libera per usi commerciali. Attribuzione non richiesta

La prima recensione del 2021 riguarda un romanzo simpatico nella sua semplicità. Mi riferisco a “La magia del Natale” di Kristen McKanagh (Newton Compton editori). Ringrazio la casa editrice per avermi inviato una copia ebook.

Miss Tilly e la tenera gattina Palla di neve vivono da sempre nella locanda in stile vittoriano che la donna gestisce. Emily lavora nella cucina, vorrebbe aprire una pasticceria tutta sua e non riesce a non detestare Lukas, nipote di Tilly, fotografo sempre in giro per il mondo, giunto per trascorrere le festività natalizie. L’uomo ha un suo progetto: vorrebbe vendere la locanda per permettere alla zia di vivere in tranquillità la vecchiaia. Tuttavia, anche Palla di neve non è da meno. In preda alla testardaggine felina, ha deciso di far avvicinare i due umani e farà di tutto affinché ciò avvenga.

“Non so proprio che cosa devo fare con questi due. Sono senza speranza.”

Come in una favola, ad avere un ruolo determinante nell’intreccio di questo romanzo è un gatto, anzi una gattina. L’animale è protagonista di divertenti scenette, situazioni create allo scopo di creare scompiglio così da rendere Emily e Lukas reciprocamente simpatici. È Palla di neve il vero motore dell’azione, senza la sua presenza, infatti, l’opera apparirebbe incompleta e fredda e i personaggi umani privi di quel brio che li rende piacevoli agli occhi del lettore.

Emily è una ragazza determinata e sognatrice. Non è facile portare avanti il proprio sogno quando viene costantemente ostacolato, eppure lei si stringe nelle spalle, si alza all’alba ogni giorno e persevera il suo obiettivo. Non è solo l’amore per la cucina a muoverla ma anche l’affetto che la lega alla signora Tilly, la quale, nonostante l’età continua a curare ogni aspetto nel minimo dettaglio.

Lukas appare sulla scena portando con sé la fama che l’ha preceduto. È un fotografo di successo, si è realizzato professionalmente ed è andato via dal nido lasciando la cara zia che si è occupata di lui. L’uomo cela dietro la soddisfazione professionale un passato doloroso, eventi che Emily sì conosce ma che, probabilmente, non immagina l’eco che ancora hanno nella sua personalità.

I rapporti tra i due appaiono sin da subito tesi, soprattutto a causa dei pregiudizi di Emily. Giorno dopo giorno, man mano che il Natale si avvicina, si assiste a piccoli momenti vissuti insieme ricchi di dolcezza con l’onnipresente Palla di neve pronta a metterci del suo per indirizzare gli eventi verso il corso giusto.

Lo stile dell’autrice è semplice e scorrevole. Gli avvenimenti – presentati alternando il punto di vista di un narratore in terza persona con la “voce” della gattina – si susseguono gli uni agli altri come in un calendario dell’avvento e, cassettino dopo cassettino, le personalità e gli sviluppi della trama si definiscono.

Il lettore segue le vicissitudini con interesse, profondamente intenerito dalle gesta della simpatica gattina, facendo il tifo per i due umani.

Un romanzo piacevole e delicato. Una lettura simpatica, che ben si sposa con il clima festivo.

ACQUISTA

La magia del Natale

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

RECENSIONE DI… “TORNO A CASA PER NATALE” DI JENNY HALE

Salve lettori, archiaviato il Natale, eccomi pronta con un nuovo appuntamento della rubrica “Letture sotto l’albero” nonché con l’ultima recensione del 2020.

Immagine libera per usi commerciali. Attribuzione non richiesta

Quest’oggi sono qui per parlarvi di un libro dolcissimo frutto della penna di un’autrice della quale adoro le storie natalizie. Mi riferisco a “Torno a casa per Natale” di Jenny Hale (Newton Compton editori). Ringrazio la casa editrice per avermi inviato una copia ebook.

La famiglia Bailey è solita trascorrere le festività natalizie presso il White Oaks, piccolo albergo gestito dalla matriarca. Scarlett, pur adorando questo periodo dell’anno, sa che tutto è destinato a cambiare. L’albergo non naviga in buone acque, le entrate sono poche, la struttura necessita di un rifacimento e la nonna non può occuparsi da sola di tutto, ergo c’è solo una soluzione: vendere. Non sarà facile comunicare questa notizia all’anziana donna che ha fatto dell’albergo la sua vita né trovare un compratore che non lo trasformi in maniera troppo radicale. Charlie Bryant, promotore immobiliare, casualmente si trova proprio lì vicino, chissà se potrà essere lui la persona giusta… Scarlett è invasa dall’ottimismo, ma si renderà presto conto che l’uomo non è proprio come l’aveva immaginato… o forse sì?

“Sono i rischi che corriamo a plasmare il nostro destino.”

Il Natale è, per antonomasia, sinonimo di tradizione e famiglia. Questo romanzo racchiude in sé questi due importanti elementi ai quali aggiunge quel senso di magia e favola che solo le festività natalizie sanno trasmettere.

Scarlett ama profondamente la sua famiglia e il luogo nel quale, sin da piccola, trascorre le vacanze natalizie. Per lei ritrovare tutti i parenti e poter trascorrere in loro compagnia le giornate festive rappresenta una piacevole parentesi dallo stress della vita di tutti i giorni. Sapere che l’anno successivo questa tradizione non ci sarà più la addolora, tuttavia la situazione è oggettivamente nera e i sentimentalismi devono essere messi da parte. Determinata e testarda quanto basta, è la prima a farsi in quattro per tutti e fino alla fine è decisa a fare quanto di meglio le è possibile per rendere meno doloroso il distacco da White Oaks.

Charlie è un personaggio enigmatico. Di lui nessuno sa nulla, sembra quasi essere una presenza arrivata per caso e destinata a restare da sola. L’uomo non ama la socialità, preferisce rintanarsi tra le mura del vecchio cottage in montagna di suo padre e vivere una non vita colma di dolore e senso di colpa. Che sia giunto fin lì per espiare le sue malefatte?

Quando i due s’incontrano, Scarlett resta immediatamente colpita dal carattere freddo, distante e per certi versi scontroso di Charlie. L’autrice riesce a rendere abilmente le psicologie dei personaggi e a rendere efficacemente i cambiamenti che tutti subiscono.

Lo stile della prosa è semplice, scorrevole e diretto. Gli ambienti sono ben descritti e in ogni momento narrativo il lettore è pienamente coinvolto sia in quelli più leggeri sia in quelli più difficili, davvero sembra quasi di trovarsi assieme ai Bailey seduti in salotto intenti a conversare e a vivere insieme il senso del Natale.

Un romanzo piacevole e ricco di sorprese. Una lettura calda, accogliente, incentrata sul senso di redenzione e sulle tante sfaccettature dell’amore.

ACQUISTA

Torno a casa per Natale

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂