RECENSIONE DI… “YOU BELONG TO MY WORLD” DI MARIKA VANGONE

Salve lettori, in questo ultimo lunedì di marzo sono qui per parlarvi di un romanzo intenso che mi ha sconvolta e conquistata. Mi riferisco a “You belong to my world” di Marika Vangone (Pubblicazione indipendente).

Nicholas e Alexandra si amano da sempre e stanno per coronare il loro sogno d’amore. Tutto sembra essere perfetto, tuttavia qualcosa di oscuro incombe sul loro futuro. Basta un attimo e tutto cambia. Nicholas e Alexandra si perdono, eppure, forse, quel destino beffardo che tutto ha tolto loro sembra volergli concedere una seconda possibilità.

“Quando ti manca qualcuno non c’è soluzione che tenga. È un vuoto dentro che non ti lascia respirare, è l’esplosione di un milione di stelle morte che si concentra in un solo punto.”

Amare ed essere riamati è il desiderio cardine dell’esistenza umana. Nicholas e Alexandra sono stati fortunati poiché hanno avuto la possibilità di progettare assieme la loro vita, un sogno d’amore che sta per coronarsi con il matrimonio. Innamorati, ringraziano il fato per avergli fatti incontrare, quello stesso fato che riserverà loro una tremenda sorpresa.

L’uomo non sa come andare avanti, è dilaniato, si chiude in se stesso e si rifugia nei ricordi.

Gabrielle non si può definire una donna fortunata. Ha perso la testa per Adrian, l’uomo perfetto, sempre elegante ma dai modi brutali tanto da condurla a compiere un gesto estremo.

Cos’hanno in comune questi personaggi? Per rispondere a questa domanda occorre immergersi tra le pagine di questo romanzo intenso ricco di tematiche emotivamente “pesanti”. Tema fondamentale è il senso della perdita che lascia un vuoto incolmabile. È facile lasciarsi sopraffare, è quello che accade a Nicholas, ma non è la soluzione, questa.

Anche Gabrielle vive convivendo con un senso di perdita. Sì, perdita della sua identità e della fiducia nell’uomo che credeva il suo principe azzurro.

Le vite di Nicholas e Gabrielle sono destinate a incrociarsi. Entrambi hanno tanto da donare e da imparare l’uno dall’altra. Insieme potranno ricominciare non annullando completamente gli eventi precedenti ma imparando a convivere col ricordo senza farsi più male. Gabrielle, dopotutto, non è così diversa da Alexandra.

Lo stile della prosa è curato nei dettagli, semplice ed elegante al tempo stesso. Il romanzo si suddivide in due parti: nella prima viene presentato il rapporto tra Nicholas e Alexandra mentre nella seconda quello tra Nicholas e Gabrielle, alternando il punto di vista maschile e femminile. Ampio spazio è riservato all’emotività poiché l’autrice fonda l’intera narrazione sui sentimenti, talora dolorosi, che si riversano sul lettore, il quale si sente continuamente parte attiva della vicenda.

Un romanzo non facile, coraggioso e in grado di spiazzare. Una lettura che è un inno alle seconde possibilità oltre che un piccolo faro di speranza, un insegnamento sul non abbattersi e sul trovare degli spiragli di luce anche nell’oscurità più cupa.

ACQUISTA

You Belong to my World

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂

RECENSIONE DI… “PURCHÉ SIA AMORE” DI BARBARA NALIN

Salve lettori, in questo primo sabato di febbraio sono qui per parlarvi di un romanzo che con grande efficacia affronta il sentimento amoroso. Mi riferisco a “Purché sia amore” di Barbara Nalin (Pubblicazione indipendente). Ringrazio l’autrice per avermi spedito una copia.

Bri crede nell’amore al punto da diventarne dipendente. Quando incontra Niccolò se ne innamora perdutamente tanto da credere che lui sia il suo principe azzurro. Peccato che l’uomo sia incostante, non abbia una grande voglia d’intraprendere una relazione seria e non rinuncia per niente alla sua indipendenza. Tra i due il rapporto è un continuo di alti e bassi, di fughe e riavvicinamenti fino a quando Bri decide di lasciare Verona e andare in Francia, da zia Emma, sorella della madre. Sarà qui, tra i suoni della campagna, che pian piano Bri inizierà a riflettere su se stessa, sul suo futuro, sulla sua concezione dell’amore grazie anche all’idea di creare un blog dedicato a quanti hanno problemi amorosi, alla presenza di Arsene e a un incredibile segreto di famiglia che torna prepotentemente a galla.

“Se solo tu ti potessi vedere per davvero, senza filtri, senza gli occhi della mente, non vedresti altro se non bellezza e luce, delicatezza e forza creatrice. Se solo tu capissi la tua forza, il tuo vero potere, allora sapresti che direzione prendere, cosa fare.”

Gestire il sentimento amoroso non è semplice specie quando l’interesse verso l’altra persona diviene totalizzante. Bri rincorre l’amore da sempre, lo cerca ovunque e per esso è pronta a mettere in discussione la propria vita. Nei confronti di Niccolò prova qualcosa di viscerale, ha bisogno di lui nonostante razionalmente sappia che quell’uomo non è giusto per lei. Si dà a lui anima e corpo, è pronta a credere a tutte le sue parole, a giustificare ogni comportamento, a mettere da parte se stessa. Lei, sempre pronta a correre da lui e a sparire a comando quando lui lo ritiene necessario, compie il gesto rivoluzionario di fuggire da un qualcosa che, forse, è ben lontano dal concetto proprio di amore.

Per comprendere appieno cos’è poi l’amore ha bisogno di compiere un percorso di crescita personale. La sua è una realtà familiare complessa, molti eventi sono stati taciuti a lungo e ora tocca a lei agire in prima persona ponendosi faccia a faccia col sentimento, analizzandolo nei dettagli, cercando di capire cosa vuole davvero.

L’idea di aprire un blog e affidare alla rete i suoi pensieri è qualcosa di provvidenziale sia perché le permette di mettersi a nudo sia perché il confronto con i problemi degli altri le fa comprendere quanto tutti soffrono per amore e che lei non è la sola a non averne compreso fino in fondo le sue logiche.

Pagina dopo pagina, capitolo dopo capitolo Bri cresce collezionando esperienze che l’aiutano a conoscersi meglio poiché se non comprende appieno se stessa non riuscirà mai a capire chi e cosa desidera.

Lo stile dell’autrice è curato nella sua semplicità. Le vicende di Bri vengono presentate in maniera diretta e il lettore non può non riconoscersi in lei poiché i suoi dubbi e atteggiamenti non sono poi così estranei.

Un romanzo sincero. Una lettura nella quale l’amore è l’indiscusso protagonista.

ACQUISTA

Purché sia amore

Grazie per la lettura, alla prossima 🙂